Budapesti, kecskeméti rendelő: +36-20-361-9530, info.tamasidr@gmail.com

Esame dell’iride

von : am : 2013-06-15 commenti : (0)

Sul nostro corpo vi sono zone di riflesso che analogamente alla nostra costituzione, al nostro portamento ed i nostri caratteri possono determinare le caratteristiche del corpo ed i segnali di malattie nascenti. Parliamo della pianta del piede, la lingua, lo scalpo, la palma, l’orecchio ed anche l’iride.  L’iride é esaminabile attraverso un microscopio. Le differenze di forma […]

leggi più

Esame delle zone di riflesso del piede

von : am : 2013-06-15 commenti : (0)

La pianta del piede la conoscevano  giá nell’antica India e nella cultura degli Indiani d’America. Queste antiche informazioni  sono state elaborate per la prima volta da Marquard che ne ha riconosciuto l’importanza. Durante l’esame, simile ad un massaggio ai piedi, verifico la consistenza della pelle, le sue diversità ed alterazioni ed individuo le zone dolorose.

leggi più

Terapie di infusione

von : am : 2013-06-15 commenti : (0)

Attraverso le infusioni introduciamo nell’organismo le vitamine, i minerali, gli amminoacidi, gli enzimi, le sostanze medicinali di piante naturali ed omeopatiche necessarie  per la cura e la prevenzione delle malattie. In particolare tali infusioni si rivelano efficaci quando nell’apparato digerente la cattiva flora intestinale, le infiammazioni, il passaggio rallentato e la degenerazione delle mucose bloccano […]

leggi più

Neuralterapia

von : am : 2013-06-15 commenti : (0)

La neuralterapia é stata scoperta circa 50 anni fa dai fratelli tedeschi Hunecke.  Con l’impiego dell’1 % di Lidocaina, trafiggo/pungo  i cosiddetti punti neuralterapici del corpo con effetti benefici sulle infiammazioni, dolori e disfunzioni del sistema nervoso cosiccome del sistema dei tessuti. Molto spesso trafiggiamo strati piú profondi dei tessuti nelle vicinanze delle disfunzioni, le […]

leggi più

Terapia di ossidazione ematogena

von : am : 2013-06-15 commenti : (0)

La sviluppó Frederico Wehrli a Locarno negli anni ’50. Il nucleo della procedura:  preleviamo dalla vena 50-100 millilitri di sangue e con l’aggiunta di una soluzione a base di nitrato di sodio, blocchiamo la coagulazione, trattiamo il sangue con l’ossigeno ed i raggi ultravioletti eppoi alla fine lo reintroduciamo nelle vene.

leggi più

Esami per l’intolleranza di zucchero con test di espirazione

von : am : 2013-06-15 commenti : (0)

Di solito effettuiamo tre test che sono basati sullo stesso principio. Il test di intolleranza al lattosio, al fruttosio e al sorbitolo. Se l’intestino tenue non digerisce adeguatamente gli zuccheri (a causa della carenza di enzimi, della mancanza delle proteine di trasporto o di disturbi della flora batterica intestinale) lo zucchero prosegue fino all’intestino crasso laddove i batteri presenti lo decompongono, […]

leggi più

Intolleranza al lattosio

von : am : 2013-06-15 commenti : (0)

Il lattosio (zucchero del latte ) è un disaccaride  che si trova unicamente nel latte ed in alcuni prodotti latto-caseari che non viene assorbito direttamente. Il lattosio aggiunto lo si trova anche nelle medicine. Le cellule del villo intestinale ed i batteri della flora normale dell’intestino producono l’enzima lattasi che scinde il lattosio in zuccheri semplici: glucosio e galattosio. Questi […]

leggi più

Test di intolleranza al fruttosio

von : am : 2013-06-15 commenti : (0)

Il cattivo assorbimento del fruttosio (DFI) è molto simile all’ intolleranza al fruttosio(HFI) che è una malattia più grave e geneticamente ereditabile. Lo zucchero della frutta assunto durante i pasti non viene completamente assorbito dall’intestino tenue e viene trasportato avanti fino al colon dove i batteri fermentano. La causa del cattivo assorbimento del fruttosio puo’ essere la mancanza o il […]

leggi più

Sorbitolo (E420)

von : am : 2013-06-15 commenti : (0)

In origine veniva prodotto dalla farina di mais. La sua dolcezza e pari alla meta’ di quella dello zucchero, ma fornisce lo stesso apporto energetico. Si usa anche per il trattamento delle superfici e per migliorare la consistenza così si trova  mescolato in tanti prodotti alimentari ed anche  nei farmaci (spesso non se ne da’ informazione sull’etichetta).

leggi più